Posts contrassegnato dai tag ‘bruce springsteen’

La più grande leggenda vivente del rock, Bruce Springsteen, ritorna con il nuovo singolo We Take Care Of Our Own, che ha anticipato l’album Wrecking Ball, uscito il 5 marzo 2012.

We Take Care Of Our Own è una canzone che ricalca l’inconfondibile sound tipico del Boss. Vi ricordo che Bruce Springsteen e la E Street Band suoneranno in Italia il 7 giugno allo stadio Meazza di Milano, il 10 al Franchi di Firenze e l’11 al Nereo Rocco di Trieste.

Questa è “We Take Care Of Our Own”.

One of the greatest living legend of rock, Bruce Springsteen returns with new single We Take Care Of Our Own, that anticiped the album Wrecking Ball, released in March 5, 2012.

We Take Care Of Our Own is a song that reflects the usual energic sound of “The Boss”. Bruce Springsteen and the E Street Band will play in Italy on June 7 at Meazza stadium in Milan, at Franchi in Florence on 10 and 11 at Nereo Rocco in Trieste.

This is “We Take Care Of Our Own”.

Annunci

Chiudo definitivamente il sondaggio del miglior frontman, arrivato ai 450 voti e a delle percentuali e ordine abbastanza consolidati.

Vince il “Boss” Bruce Springsteen con il 36,17 % (personaggio tralaltro al quale ho dato il mio voto), che con la sua forma fisica strepitosa può tenere tranquillamente le 3 ore e mezza di concerto e che non si risparmia mai dal vivo.

La seconda posizione è di Bono Vox (29,79 %), non ispirato come una volta ma sempre carismatico nei live, la terza di Ozzy Osbourne (24,47 %) e la quarta di Micheal Stipe (solo il 9,57%).

Tra gli esclusi di questo sondaggio, voi lettori mi avete chiesto della non presenza in particolare di Mattew Bellamy, Kurt Cobain, Liam Gallagher e Dave Gahan.

Se devo dirla tutta i dubbi mi sono venuti solo per Dave Gahan e Morrisey, due personaggi di innato carisma e straordinari dal vivo, a cui basta solamente la presenza sul palco per creare pathos. Ed è il criterio su cui ho scelto anche gli altri quattro, personaggi che senza effetti speciali, fronzoli tecnici o corse su e giù nel palco alla Usain Bolt, riescono ad essere magnetici anche per chi non li conosce a fondo.

Nel link sottostante un live di Born To Run ad Hyde Park del 2009 (non accetto neanche un minimo confronto con chi me lo paragonerebbe ad un altro coetaneo italiano, perchè dimostrerebbe o pazzia, o cecità o sordità)